Android 13: Google distribuisce la beta 3, ecco tutte le novità

Google ha rilasciato la terza beta di Android 13 e, sebbene non introduca alcuna novità importante, segna un’importante pietra miliare nello sviluppo del sistema operativo prima del rilascio finale.

Google ha appena rilasciato la terza versione beta di Android 13 per i telefoni Pixel supportati. La nuova versione arriva quasi un mese dopo la seconda beta, puntuale e in linea con il programma di rilascio precedentemente annunciato dalla società. Questa versione è importante, poiché grazie ad essa Android 13 raggiunge la stabilità della piattaforma.

Ciò significa che le API degli sviluppatori e le prestazioni delle applicazioni su questa prossima versione del sistema operativo sono definitive. Fino a quando il software non verrà rilasciato al pubblico tra pochi mesi, gli sviluppatori devono ora concentrarsi sulla compatibilità e sulla qualità generale delle applicazioni e sulla risoluzione degli ultimi bug. Nessuna funzionalità importante dovrebbe essere introdotta nelle prossime beta.

Cosa c’è di nuovo per Android 13 beta 3?

Il post sul blog di Google Beta 3 è ricco di documentazione essenziale per consentire agli sviluppatori di garantire che la loro app sia compatibile con tutte le modifiche e i miglioramenti di Android 13. schermo grande come smartphone e tablet pieghevoli. Coprono le modifiche alla modalità multi-finestra, l’interazione sulla barra delle applicazioni e lo streaming multimediale.

In termini di nuove funzionalità, l’unico grande cambiamento sembra essere il miglioramento del copia e incolla. Ci sono anche nuove impostazioni di Pixel Launcher che danno agli utenti la possibilità di abilitare i suggerimenti web. Questa funzione mostra le frasi di ricerca suggerite per le query web durante la digitazione del testo. È anche possibile fare clic direttamente sui nuovi pulsanti “Cerca su YouTube” o “Cerca su mappe” quando si accede a una ricerca su Google.

Ricordiamo che se non hai ancora provato Android 13, dovrai prima assicurarti che il tuo smartphone sia compatibile. L’elenco dei dispositivi idonei è recentemente cresciuto in modo significativo. Se hai uno smartphone di fascia alta di ultima generazione, questo è probabilmente compatibile.