Analista: Apple non è ancora riuscita a sviluppare il proprio modem 5G: continuerà a essere pienamente Qualcomm

Apple non è ancora riuscita a sviluppare il proprio circuito modem 5G come previsto, ha commentato l’analista Ming-Chi Kuo.

Kuo ora prevede che Qualcomm continuerà a essere il fornitore esclusivo di chip modem 5G per gli iPhone di prossima generazione che verranno svelati nella seconda metà del 2023.

Apple è nota da anni per lo sviluppo del proprio modem 5G, che consentirebbe ad Apple di passare a soluzioni proprietarie anche in questo settore. Tuttavia, i rapporti sui tempi di implementazione del circuito del modem sono variati. All’inizio di maggio 2021, Kuo ha riferito che Apple avrebbe lanciato il proprio modem 5G su iPhone non prima del 2023.

A Qualcomm, Apple avrebbe dovuto lanciare il proprio modem 5G già nel 2023. Qualcomm ha dichiarato all’inizio di novembre 2021 che prevede di spedire solo il 20% dei chip modem di Apple nel 2023, mentre ora Kuo prevede che la quota rimarrà al 100%.

Apple e Qualcomm sono attualmente partner dopo che le società hanno risolto il loro contenzioso nel 2019 e Qualcomm ha iniziato a spedire chip modem 5G come parte dei telefoni iPhone 12 di Apple. Apple ha dovuto prima fare affidamento sui chip modem Intel anche per i suoi dispositivi 5G, ma le loro prestazioni non hanno raggiunto il livello desiderato da Apple. Da allora, il chip modem di Qualcomm è stato visto come parte di tutti i prodotti 5G di Apple, in particolare l’iPhone 12 e l’iPhone 13. Nell’ambito di un accordo tra Apple e Qualcomm, accettano di concedere in licenza i brevetti fino al 2025, oltre al quale l’accordo prevede un’opzione per una proroga di due anni.

Alla fine del 2020, Johny Srouji, Chief Technology Officer di Apple, ha confermato in una riunione interna che Apple stava sviluppando il proprio circuito modem.

Apple ha acquistato lo sviluppo di chip modem per $ 1 miliardo da Intel nel 2019 e da allora ha iniziato a sviluppare i propri chip modem per prodotti futuri. L’accordo ha trasferito 2.200 dipendenti Intel al libro paga di Apple, oltre ai quali Apple acquisirà diritti di proprietà intellettuale, hardware e contratti di locazione.

Il circuito modem è una parte importante degli smartphone. È responsabile delle connessioni di rete e del loro controllo e gestione. Il piano originale di Apple era inizialmente quello di affidarsi a Intel anche per i chip modem 5G, ma dopo che il suo lavoro di sviluppo si è bloccato, Apple ha dovuto cambiare i suoi piani. Ciò significava seppellire un’ascia da guerra con Qualcomm e restituirla come cliente e risolvere un contenzioso.

Con lo sviluppo del proprio chip modem, Apple sarà in grado di integrarlo nel proprio circuito di sistema utilizzato nell’iPhone. Finora, il chip del modem è un componente separato nell’iPhone, ed è così che Apple è in prima linea tra gli smartphone Android concorrenti con chip di sistema prevalentemente integrati. L’integrazione con un circuito di sistema può migliorare sia le prestazioni che ridurre il consumo energetico.

Allo stesso tempo, lo sviluppo del modem è molto impegnativo e richiede miliardi di investimenti nello sviluppo del prodotto. In parte, Apple sta sviluppando anche a Monaco, dove Apple ha affermato di aver investito più di 1 miliardo di dollari l’anno scorso.