Aggiornamenti critici per la sicurezza in arrivo più velocemente su iOS 16 e macOS Ventura

Tra le tante novità che arriveranno con iOS 16 e macOS 13 Ventura, spicca Rapid Security Response. Questa è una funzione che scaricherà e installerà automaticamente le patch di sicurezza, senza la necessità di installare una versione completa del sistema operativo; e in alcuni casi, senza riavviare i computer.

Questa opzione è stata annunciata durante il keynote di apertura del WWDC 2022 ed è già disponibile nella beta di iOS 16. Può essere rapidamente identificata nella sezione degli aggiornamenti automatici della prossima versione del sistema operativo iPhone.

Oltre alle tradizionali funzioni per scaricare e installare gli aggiornamenti iOS, alla sezione suddetta si aggiunge un terzo pulsante. Si dice “Installa file e dati di sistema”, e si stima che, rimanendo attivato, sarà incaricato di implementare le patch di sicurezza che Apple mette a disposizione, senza la necessità di sostituire completamente il sistema operativo con una nuova versione.

“Ottieni ancora più rapidamente importanti miglioramenti della sicurezza per i tuoi dispositivi. Queste ottimizzazioni possono essere applicate automaticamente tra gli aggiornamenti software standard”, spiega l’azienda californiana nel dettaglio di tutte le nuove funzionalità disponibile in iOS 16.

Ma, come abbiamo indicato all’inizio, Rapid Security Response non sarà una funzionalità esclusiva degli iPhone aggiornati all’ultima versione del loro sistema operativo. Sarà anche disponibile in macOS 13 Ventura, dove non sarà necessario riavviare i Mac per rendere effettive le modifiche. Ecco come lo spiega Apple nella pagina dedicata al software per i tuoi computer:

Questo non è un aggiornamento software standard. Questi miglioramenti possono essere applicati automaticamente tra gli aggiornamenti normali, senza riavviare.

Nel caso di iOS 16, Apple indica che “alcuni aggiornamenti” potrebbero richiedere un riavvio da applicare. Questo è visibile a chi ha installato la beta del sistema operativo sul proprio iPhone, nella “fine print” della sezione degli aggiornamenti automatici.

iOS 16 e macOS 13 Ventura semplificheranno la gestione degli aggiornamenti di sicurezza

L’introduzione di Rapid Security Response sarà senza dubbio molto interessante per gli utenti di iPhone e Mac. Il semplice fatto di non dover installare un aggiornamento completo di iOS o macOS per risolvere un problema di sicurezza renderà l’esperienza ancora più fluida.

Inoltre, gestire patch software più specifiche ti farà risparmiare tempo. I team dietro iOS 16 e macOS 13 Ventura saranno in grado di rispondere più rapidamente a eventuali vulnerabilità che potrebbero essere scoperte su entrambe le piattaforme, soprattutto se vengono attivamente sfruttate. E se il pubblico non deve nemmeno prendersi la briga di riavviare manualmente il proprio dispositivo affinché le mod entrino in gioco, tanto meglio.

D’altra parte, Rapid Security Response aiuterà Apple a evitare gravi shock nel suo programma di aggiornamento. Potendo mirare al rilascio di una patch di sicurezza senza rilasciare un aggiornamento completo dei tuoi sistemi operativi, eviterai qualsiasi interruzione dei tuoi piani per incorporare nuove funzionalità o nuovi bug che appaiano dove prima non ce n’erano.

Ricorda che iOS 16 includerà anche nuove opzioni di privacy, in particolare per proteggere le foto nascoste o cancellate. Mentre macOS 13 Ventura chiederà agli utenti di dare esplicita autorizzazione agli accessori per la connessione tramite USB-C, prima di trasferire i dati.