Android

BQ racconta come nasce Aquaris X5 attraverso un video

Il marchio BQ potrebbe risultare sconosciuto a molti ma non a noi, utenti di PhoneToday.it, che durante il corso di queste ultime settimane abbiamo avuto modo di testare e recensire un loro smartphone, l’Aquaris X5, il quale si è rivelato essere un prodotto veramente interessante.

Leggi anche: BQ Aquaris X5, lo smartphone in alluminio da avere assolutamente

La giovane società spagnola, fondata da 6 compagni universitari nel 2010, ha segnato una svolta nel settore della telefonia mobile iniziando a progettare e produrre direttamente “in casa” e mettendo a disposizione le proprie tecnologie open source.

Dopo il battesimo con la gamma Aquaris E e raggiunto il pieno controllo nella progettazione e fabbricazione di smartphone con la produzione della gamma Aquaris M, BQ ha sfidato il mercato con il top di gamma Aquaris X5, il device che rompe gli standard con un design premium e cover in metallo.

Ma come nasce questo prodotto? L’ideazione di uno smartphone nasce dalla ricerca costante dell’equilibrio perfetto tra design e tecnologia. Partendo da un’idea originale che prende forma come bozzetto su carta, un team di professionisti viene coinvolto in un processo complesso che porta al prodotto finito, pronto per essere venduto.

Rodrigo del Prado, Deputy General Director & BQ Co-Founder, spiega:

A grandi linee possiamo dividere questo processo in quattro fasi. Progettazione, Creazione Prototipo, Collaudo Prototipo e Prodotto Finale. Trattandosi di uno smartphone caratterizzato da un design che ha rotto gli standard dei nostri dispositivi, la fase di ideazione di Aquaris X5 è stata particolarmente importante e complessa. Il cellulare che oggi abbiamo in tasca è un’autentica opera di ingegneria che ha richiesto un intenso lavoro di creatività e design. Dalla progettazione a matita su carta alle finiture della superficie del telefono, esiste un intero team di progettazione che opera per rendere il dispositivo attraente sia dentro sia fuori.

Il tutto ha inizio quando si stabiliscono le caratteristiche generali e tecniche dello smartphone. Il team di progettazione può cominciare quindi a concentrarsi sulla fase più creativa e, come spiega Julien Pejenaute del dipartimento di Ingegneria Meccanica e Design Industriale:

Facciamo una ricerca sulle tendenze attuali, cerchiamo forme, texture ed eventuali colori che ci ispirano. Condividiamo la nostra visione su come ci immaginiamo lo smartphone con l’obiettivo preciso di giungere a una soluzione che soddisfi completamente le necessità degli utenti, rispettando ed esprimendo lo spirito di BQ. Terminata questa fase, diamo forma alle nostre idee su carta.

Dopo aver definito le varie proposte, si passa alla modellazione tramite stampa 3D, durante la quale vengono stabiliti spessore e dimensioni, si definiscono i materiali, le finiture, le texture e il grado di brillantezza. Tutte le proposte sviluppate si materializzano in mock-up, ossia in modelli del dispositivo in scala reale utilizzati per valutare il progetto.

Queste tappe sono state particolarmente importanti nel caso di Aquaris X5, proprio in quanto ha segnato un cambio radicale nel design e, la scelta di utilizzare il metallo, ha permesso a BQ di sperimentare nuove tecniche di produzione, sviluppare nuovi design e nuove forme espressive.

Come spiega Yuri Sviridov, Direttore del Dipartimento artistico:

Le idee estetiche devono essere funzionali e combinarsi in modo ottimale con l’hardware desiderato sul dispositivo. Il processore, la batteria, i microfoni, le schede SIM e il resto degli elementi occupano spazio. Pertanto, la loro selezione e distribuzione negli strati interni devono essere pensati al dettaglio per non aumentare le dimensioni. Si tratta di una parte essenziale e, forse, tra le più complesse del processo: riuscire a incastrare tutti i pezzi. Anche nel caso dell’X5, questa fase è stata fondamentale.

Dopo aver definito sia la parte esterna sia quella interna del dispositivo, entrano in azione altri dipartimenti e team tecnici che creano i primi prototipi e seguono le restanti fasi del processo di sviluppo. Non ci resta che mostrarvi il video in cui BQ racconta le varie fasi che hanno portato alla produzione di Aquaris X5:

Commenti
Vai su