Android

Stonex: l’azienda delle mezze verità

Stonex-One

Che in Italia le cose non vadano per il verso giusto si sa, come si sa anche che quando alcune persone danno la propria parola non vanno credute. Crediamo che quest’ultimo sia proprio il caso di una giovane azienda italiana che negli ultimi mesi sta facendo parlare moltissimo di sè, Stonex.

Ebbene sì, ha promesso uno smartphone “tutto italiano” pensato appositamente per gli utenti e con un software in grado di stupire tutti noi per la sua ottimizzazione. Però già dopo qualche tempo i componenti del team hanno tenuto a precisare che di italiano ci sono solo gli acquirenti, perché il device è prodotto in Cina con materiali cinesi, il nome è tutt’altro che italiano ed il software è semplicemente Android stock ma con un nome diverso a cui vi è applicato un icon pack che potrebbe piacere o meno.

Dicendo che gli utenti sarebbero venuti prima di tutto e che i recensori avrebbero avuto il piacere di provare lo smartphone solamente dopo che i primi ne fossero entrati in possesso Stonex ha voluto – forse sarebbe meglio dire voleva – puntare molto in alto. Se non vi ricordate qui c’è l’articolo con tanto di video dove è Angelina, l’addetta al reparto marketing e comunicazione della società, ad affermare questa “novità” assoluta.

Ci dispiace dirlo ma dopo poco meno di 30 giorni anche questa affermazione si è rivelata una presa in giro. Eh sì, perché lo smartphone è già in mano ai migliori recensori di smartphone della nostra Penisola, tra i quali figurano Lorenzo Montenegro di EsperienzaMobile e Andrea Galeazzi di HDblog.

Successivamente a tutto ciò non vediamo perché dovremmo continuare a credere e a fidarci di questo brand che di buono, forse, ha solo la nazionalità, anche se crediamo che oramai nemmeno quella si possa più tenere in conto. Voi cosa pensate di Stonex e del suo operato svolto fino ad ora?

Commenti
Vai su