Curiosità

Il 25% di chi possiede uno smartphone blocca la pubblicità

adblock-pubblicità

La società che si occupa di marketing mobile, Tune, ha recentemente pubblicato un nuovo rapporto riguardante l’utilizzo di applicazioni o browser in grado di svolgere la funzione di bloccare gli annunci pubblicitari che appaiono su smartphone e tablet.

Leggi anche: Come bloccare la pubblicità su smartphone e tablet Android

Le persone che hanno partecipato allo studio sono state circa 4000, prese a campione sia negli Stati Uniti che in Europa, ed il risultato è stato più che sorprendente. Il 24,5% di questi ha provveduto a scaricare sul proprio dispositivo mobile un adblocker.

Da quanto emerso il 7,8% degli intervistati dichiara di aver scaricato un’applicazione o un browser per bloccare la pubblicità a partire da novembre 2015 ma Tune prevede che la percentuale è destinata a salire fino a raggiungere l’80% entro la fine del 2017.

tune-adblocker-2017

Coloro che utilizzano maggiormente soluzioni adblock risultano essere gli adolescenti, principalmente di sesso maschile, e gli adulti aventi un’età inferiore a 65 anni, i possessori di dispositivi mobili Android e i cittadini europei.

La gente vuole bloccare gli annunci pubblicitari perché essi possono risultare alquanto fastidiosi” ha dichiarato il CEO di Tune, Peter Hamilton, che continua “I consumatori potranno comunque scegliere di non bloccare determinati annunci se in realtà li trovano divertenti o anche utili“.

Stiamo parlando sicuramente di un argomento scottante, moltissimi utenti odiano la pubblicità ma è pur sempre vero che, in molti casi, queste servono per portare avanti il lavoro e i servizi messi a disposizione dai vari siti web. Voi come la pensate? Fate parte del 25% delle persone che attraverso applicazioni e browser bloccano gli annunci pubblicitari?

Commenti
Vai su