Apple

Hey Siri sono gay! “Non è carino da parte tua”

siri-gay-2

L’associazione DiversityLab ha lanciato su change.org una petizione per chiedere al CEO di Apple, Tim Cook, di riprogrammare la versione italiana dell’assistente vocale Siri. Ebbene sì, sembra che l’ormai famosissima applicazione “intelligente” sviluppata dall’azienda di Cupertino non sia del tutto “gay-friendly”.

Infatti il noto software – basato sul riconoscimento vocale, integrato da Apple a partire da iPhone 4S e pubblicizzato come “assistente personale” risponde a quanti domandino  “perché due gay (o due lesbiche) non possono sposarsi?”, “come si registra un matrimonio gay” o volessero condividere, anche solo per gioco, affermazioni come “penso di essere gay (o lesbica)”- con una sola frase, “non è carino da parte tua”, e come ciliegina sulla torta non riconosce la parola “omofobia”.

siri-gay-1
Dunque secondo Siri le parole “gay” e “lesbica” sono classificate come insulti. Ed è per questo che Chiara Reali scrive per DiversityLab:

iPhone 6 è lo smartphone più venduto in Italia, dove una persona su cinque possiede un telefono targato Apple. Quante di queste persone sono gay, lesbiche, bisessuali o transgender? Quante di loro hanno amici, figli, colleghi, vicini di casa LGBT? Se queste persone dovessero mai trovarsi a chiedere informazioni sulla parola “lesbica”, si sentirebbero rispondere da Siri “non è carino da parte tua”.

Eppure meno di un anno fa lo stesso Tim Cook, il CEO di Apple, ha fatto coming out dichiarando di essere orgoglioso di essere gay. Come se non bastasse sono quasi 8.000 i lavoratori della Apple che hanno partecipato al gay pride di San Francisco poco meno di un mese fa. Infatti negli Stati Uniti, Siri corregge automaticamente chi attribuisce il genere sbagliato a Caitlyn Jenner, l’ex campione olimpico di decathlon a Montreal 1976 e patrigno delle Kardashian, che ha recentemente completato la sua transizione dal genere maschile a quello femminile. L’anomalia italiana del sistema di risposta di Siri è davvero “strana” e verrebbe da chiedersi se e in quali altre lingue si verifica la stessa cosa.

Via

Commenti
Vai su