Recensioni

HP Spectre x360: è un PC o un tablet?

hp-spectre-x360-3

HP Spectre x360, a differenza di HP Omen, è un ultrabook top di gamma che monta la quinta generazione dei processori Intel. La particolarità di questo PC è il suo schermo: può essere piegato a 360 gradi e, di conseguenza, trasformarsi in un tablet ultra performante, un 2 in 1 che piace e non poco!

Video Recensione

Confezione

La confezione è molto elegante e rispecchia perfettamente anche lo stile di ciò che contiene. Costituita di un cartone ben definito presenta nel “coperchio” una imbottitura di spugna per attutire eventuali urti e quindi proteggere il suo contenuto.

Una volta aperta la scatola di vendita, al suo interno troveremo in primo piano il computer, alcuni fogli illustrativi e subito sotto di esso una comoda e pratica fodera nella quale riporre il nostro device.

Tolto tutto ciò, sul fondo troveremo un piccolo vano a “scomparsa” che conterrà un grazioso carica batterie con presa europea, ovvero quella grossa e rotonda con i due “dentoni”. Scegliere questo tipo di presa, forse non è stata la scelta migliore di HP, in quanto la tendenza è quella di passare a quella tradizionale con i due dentini, a volte anche tre.

Comunque sia nel complesso la confezione risulta ricca e ben curata. Personalmente mi ha sorpreso, in maniera positiva, trovare la fodera per riporre il computer.

hp-spectre-x360-18

Hardware

Avviamo il computer e in meno di 15 secondi sarà già pronto per essere utilizzato, merito dei 256 GB di SSD che conferiscono al sistema una velocità di lettura dei dati davvero impressionante, la quale non sarebbe stata possibile senza l’accompagnamento di un processore all’altezza, che in questo caso si tratta dell’i7-5500U da 2.40 GHz, affiancato da ben 8 GB di RAM.

Questa favolosa accoppiata garantisce una rapidità di esecuzione dei programmi veramente notevole, in quanto ci vorrà una manciata di secondi per far aprire i programmi tradizionali come Chrome, Office e simili, mentre, saliamo a circa mezzo minuto per avviare applicativi nettamente più impegnativi come possono essere Photoshop o AfterEffects.

Lo splendido display con risoluzione QHD permette invece di riproduce in maniera eccezionale tutti i contenuti di tipo visivo, che siano foto o video, ed in più è anche di tipo touch screen, ottimizzato per essere gestito pure in versione tablet. Per concludere l’argomento schermo teniamo anche a precisare che anche sotto la luce diretta del sole la luminosità è buona e consente un’ottima visualizzazione dei contenti.

Proseguendo il nostro tour nella parte hardware di HP Spectre x360 non possiamo non elencare la GPU, si tratta di una Intel HD5500, che permette di giocare a videogame piuttosto recenti senza alcuna sorta di problema.

La situazione lascia veramente a desiderare sul versante delle temperature perché, quando il PC viene messo sotto stress, tende a scaldare davvero tanto, anche con la ventola avviata al massimo dei giri.

Il comparto audio è buono, pur non eccellendo rispetto ai suoi concorrenti, ed inoltre la posizione delle casse poste sul fondo del computer rendono l’esperienza un po’ sgradevole quando si poggia l’ultrabook su superfici morbide, poiché i fori di uscita vengono otturati e il suono che ne uscirà sarà dimezzato ed ovattato.

HP Spectre x360 è disponibile in tre diverse varianti:

  • CPU Intel Core i5-5200U Boardwell, 4 GB di RAM, SSD da 128 GB e display Full HD
  • CPU Intel Core i5-5200U Boardwell, 8 GB di RAM, SSD da 256 GB e display Full HD
  • CPU Intel Core i7-5500U Boardwell, 8 GB di RAM, SSD da 256 GB e display in QHD

Design e materiali

Il corpo è costituito interamente di alluminio e ricorda il design dei ben più conosciuti MacBook Air, ai quali però non ha nulla da invidiare. La tastiera con tasti ad isola, che sono retro illuminati per garantire una perfetta visualizzazione anche in assenza di luce, è davvero ben fatta e la digitazione risulta piacevole anche quando la scocca, come già detto prima, si scalda.

Allo stesso modo è stato concepito il touchpad, il quale è preciso e non sbaglia un colpo. HP ha pensato bene di incastonarlo nel contesto rifinendo il bordo con una smussatura che gli conferisce un tocco di eleganza senza pari.

Questo particolare richiama anche i bordi esterni del PC che sono arrotondati e lucidi, dove sulla parte destra del corpo macchina troviamo il pulsante “home”, il bilanciere del volume, una porta mini display, quella HDMI, 2 porte USB 3.0 e l’ingresso jack da 3,5 millimetri per gli auricolari. Sul lato sinistro invece vi è lo slot per le SD, il pulsante di accensione, una porta USB (sempre 3.0), e il foro per collegare il carica batterie.

A questo punto immaginiamo che vi starete chiedendo a cosa possano mai servire i tasti posti sui bordi di un PC. Ebbene sì, come già detto in apertura di articolo HP Spectre x360 è in grado di trasformarsi in un tablet grazie alla speciale cerniera che consente di piegare lo schermo di 360 gradi. Certo, il peso in versione tablet non è contenutissimo, ma potrebbe aiutarvi ad aumentare lo spazio utile riducendo l’ingombro al minimo quando, ad esempio, lo utilizzate poggiato sulla scrivania.

Nel complesso il design di questo ultrabook mi ha colpito davvero molto. L’utilizzo dell’aullumino, per costruire l’intera scocca, mi è piaciuto veramente tanto e se dovessi scegliere con quali linee disegnare un nuovo PC portatile lo farei, se non identico, molto simile a questo.

hp-spectre-x360-8

Software

Il sistema operativo preinstallato è Windows 8.1 ma è aggiornabile, gratuitamente, a Windows 10. Noi l’abbiamo aggiornato senza pensarci due volte e l’esperienza utente risulta ideale per questo 2 in 1. Con la configurazione hardware da noi provata non si ha alcun tipo di problema e il software ideato da Microsoft sembra quasi quello dell’acerrimo nemico Apple, OS X, sia per semplicità di utilizzo che per ottimizzazione.

Ed è proprio quest’ultima che ha fatto breccia nel mio cuore. Infatti nonostante un display QHD, le icone, i siti web e tutte le finestre sono state adattate a grandezza “normale” per garantire un’ottima visualizzazione sia in modalità desktop che in quella tablet, dove l’intera interfaccia utente risulta veramente comoda e a portata di dito.

Appena piegato lo schermo riceveremo una notifica che ci chiederà se si desidera passare in modalità tablet, in questo modo l’interfaccia verrà leggermente modificata e verranno introdotti i comandi a schermo per tornare indietro o nella home.

Le applicazioni sono limitate poiché sono quelle presenti sullo Store di Windows, per intenderci quello che si trova su una qualsiasi versione desktop dalla 8 in poi. Purtroppo per il momento è proprio questa carenza di app a tagliare le gambe del sistema operativo sviluppato da Microsoft.

Visto, però, che stiamo parlando di un dispositivo che comunque verrà utilizzato per la maggior parte del tempo in versione desktop non c’è nulla di cui preoccuparsi. In poche parole, Windows 10 sembra esser stato ideato proprio per questo notebook.

Autonomia

Pur avendo una risoluzione di 2560×1440 pixel, l’autonomia è ottima e riesce a coprire senza problemi oltre 6 ore senza dover passare dalla presa di corrente. Merito sia del precessore “U”, che consuma meno batteria rispetto ai normali processori, sia della batteria da 56 Wh agli ioni di litio.

Nel complesso non ci possiamo lamentare assolutamente della durata complessiva anche perché abbiamo tenuto la luminosità, quasi sempre, al massimo e sfruttato a pieno le potenzialità di questo device.

Conclusione

HP Spectre x360, nelle nostra configurazione, è venduto al prezzo di 1594€ ma si può trovare anche a 1291€ con processore i5 e display in Full-HD.

Consiglio questo computer a tutte le persone che stanno cercando un ottimo prodotto che racchiuda in sé eleganza e potenza, molta potenza, ad una cifra comunque non così lontana dall’essere inabbordabile.

Fotogallery

Questo slideshow richiede JavaScript.

HP Spectre x360

HP Spectre x360
8.2

Confezione

9/10

    Design e materiali

    10/10

      Hardware

      8/10

        Autonomia

        8/10

          Prezzo

          7/10

            Pros

            • Design
            • Autonomia
            • Display

            Cons

            • Prezzo
            • Temperature

            Commenti
            Vai su