Android

Mio Phone: lo smartphone per bambini con molte funzionalità

mio-phone-bambini

E’ stato realizzato dal Gruppo Lisciani il primo smartphone educativo pensato per i più piccoli e basato sul sistema Android, dal nome Mio Phone, al fine di tenerli sempre in contatto con i propri genitori senza alcun tipo di rischio.

Infatti questo dispositivo, dal design moderno e dalle dimensione ridotte, garantisce una totale sicurezza ai bambini (dai 6 anni in su) poiché i numeri dai quali si ricevono chiamate ed sms, i siti web visitati, la galleria e la rubrica saranno controllati e filtrati, così come chiamate e messaggi in uscita.

Scaricando poi un’apposita applicazione, i genitori saranno continuamente in comunicazione con Mio Phone e potranno sapere dove si trova il loro figlio attivando la geolocalizzazione che ne rintraccia appunto la posizione.

Inoltre il Gruppo Lisciani ha pensato ad una funzione chiamata “Auricolari Parental Control” con la quale si possono effettuare o ricevere chiamate soltanto utilizzando le cuffie date in dotazione. Questo è stato fatto per salvaguardare la salute dei bambini e per non fare in modo che lo smartphone non si surriscaldi a contatto con l’orecchio.

Infine sono state integrate molte applicazioni di svago per intrattenere i più piccoli e stimolare la loro intelligenza e creatività.

“Oggi impedire ai nostri figli di venire a contatto prematuramente con la tecnologia è quasi impossibile. Abbiamo creato un telefonino in grado di intrattenere i bambini in maniera educativa e garantire tranquillità ai genitori.” Questo è quello che dichiara l’amministratore del gruppo Lisciani che però sottolinea il fatto che il device non deve sostituire altri tipi di svago, ad esempio lo sport, la lettura ecc. Mio Phone infatti resta soltanto un mezzo per introdurre anche i più piccoli nel mondo della tecnologia in modo del tutto sicuro e sotto il controllo dei propri genitori.

Cosa ne pensate dei dispositivi creati per i bambini? Pensate siano utili? Fateci sapere le vostre opinioni!

Via

Commenti
Vai su