Apple

“Il tuo iPhone dura in media tre anni”, parola di Apple

iphone_6s

Leggendo la pagina del sito Apple dedicata all’ambiente, molti utenti sono rimasti colpiti nel leggere certe affermazioni. E’ possibile che sia stato tutto un equivoco, o meglio che le parole scritte siano state fraintese, però l’interpretazione iniziale è stata piuttosto universale. Fortunatamente sono arrivate delle spiegazioni che sembrano mettere a tacere l’intera questione.

Andiamo per gradi, nei giorni scorsi la società di Cupertino ha divulgato un documento in cui tratta la questione della durata dei dispositivi, in relazione all’ambiente e al riciclo. In questo documento si sostiene che gli anni di utilizzo di un iPhone, se considerato al primo acquisto, sono tre. Stessa sorte tocca a Apple Watch mentre Apple Tv e prodotti con a bordo OS X dovrebbero durare un anno in più.

Letta così sembra proprio che Apple voglia dirci che gli iPhone hanno una scadenza; di conseguenza la rete è pressochè impazzita! La notizia ha fatto il giro del mondo in pochissimo tempo suscitando non solo polemiche ma anche rabbia.

C’è chi ha parlato di “obsolescenza programmata” e chi di “decadenza voluta per incrementare gli acquisti“. D’altra parte in molti, nel corso degli ultimi anni, hanno accusato Apple e altre aziende di rallentare volutamente i vecchi modelli all’uscita dei nuovi. Polemiche a parte, la storia è stata fraintesa.

Infatti le parole estrapolate dal documento in questione derivano dall’ultima relazione energetica divulgata dal colosso statunitense, nella quale viene affermato che la società si aspetta che il primo proprietario di iPhone o Apple Watch utilizzi il dispositivo per un periodo medio non superiore ai tre anni.

Quindi la questione è stata interpretata male, Apple non ha mai sostenuto che un iPhone deve durare massimo tre anni, anzi il produttore si augura che questi possano avere vita ben più lunga, perchè dopo essere stati utilizzati dal primo proprietario, vengono poi restituiti (grazie al programma Trade In), rigenerati e riciclati.

Commenti
Vai su