Apple

iPhone 7 Jet Black: i problemi di produzione sono molti, troppi!

iphone-7-jet-black

Secondo un nuovo report del noto analista Ming-Chi Kuo, sembra che Apple sia in difficoltà con la produzione del nuovo iPhone 7 Jet Black. Il nuovo colore, estremamente popolare tra gli acquirenti, soffre di un basso rendimento di produzione, con oltre il 30% degli esemplari che non riesce a superare i controlli qualitativi finali.

Attualmente, le spedizioni sono previste per ottobre o addirittura novembre, persino per coloro i quali hanno preordinato iPhone 7 Jet Black durante le primissime ore di disponibilità il 16 settembre. Solo pochissimi fortunati si sono riusciti ad accaparrarsi la nuova nuance, già finita sotto i riflettori per la sua maggiore delicatezza rispetto alle varianti opache, meno propense a graffiarsi accidentalmente a detta della stessa azienda.

La nuova colorazione è ottenuta per mezzo di un processo di anodizzazione e lucidatura in nove fasi che si sta rivelando più complesso del previsto. Che sia questo il motivo per il quale il colosso di Cupertino abbia deciso di confinare iPhone 7 Jet Black ai più costosi modelli da 128 e 256 GB è indubbio.

L’analisi di Ming-Chi Kuo si conclude con il punto della situazione sui preordini del nuovo top di gamma di casa Apple, a suo dire inferiori rispetto a quelli del precedente iPhone 6s nello stesso periodo (nonostante il numero di Paesi della prima ondata sia stato di 28 al posto di 12, quest’anno).

Vi ricordiamo che iPhone 7 è disponibile all’acquisto a partire da un costo di 799 euro su Apple Store e 749 euro presso alcuni rivenditori online; tra le novità vi sono l’impermeabilità, il chip A10 Fusion, l’audio stereo, il nuovo tasto Home e molto altro. Se vi siete persi qualcosa sul nuovo melafonino date un occhio al nostro articolo!

Commenti
Vai su