Android

Entro 3 anni Huawei sarà il numero 1 degli smartphone in Italia

huawei-logo

Huawei ha riscosso un successo davvero notevole in Italia. Se fino a qualche anno fa i pochi che acquistavano uno smartphone dell’azienda cinese lo facevano per risparmiare, oggi la situazione si è totalmente ribaltata. Huawei è seconda nella classifica di smartphone più venduti in Italia, preceduta solamente da Samsung e seguita da Apple.

Questi dati sono inaspettati ma il colosso cinese è riuscito a superare in classifica anche l’azienda di Cupertino e, vista la crescita impressionante, non saremmo di certo sorpresi nel vederla in cima alla classifica entro qualche anno. Le stesse aspettative sono condivise da Walter Ji, presidente della divisione consumer di Huawei per l’Europa Occidentale, che recentemente ha dichiarato:

Oggi in Italia come volumi siamo i numeri 2, ma entro 2-3 anni vogliamo essere i numeri 1.

Daniele De Grandis, direttore esecutivo di Huawei consumer in Italia, ha invece affermato:

In Italia abbiamo costruito la nostra fondazione grazie al rapporto con gli operatori e siamo cresciuti con il focus sul retail. Abbiamo lavorato su un’offerta che contempla molte fasce di prezzo.

L’azienda ha anche investito molto in pubblicità e sponsorizzazioni, e tutti gli sforzi sembrano essere stati ripagati, tanto che oggi il marchio Huawei è conosciuto dall’87% degli italiani.

Gran parte del successo si deve sicuramente a dispositivi come Huawei P7 prima e Huawei P8 o Mate S poi. Ora, con l’arrivo di Huawei P9, la società ha puntato chiaramente a dominare tra gli smartphone “premium”. Il telefono difatti combina qualità costruttiva, hardware da top di gamma ed innovazione, grazie anche all’accordo con Leica per la realizzazione della fotocamera.

Il problema principale che si trovano ad affrontare le aziende cinesi è il pregiudizio che le accompagna, in molti pensano che comprare uno smartphone cinese significhi rinunciare alla qualità, ma Walter Ji afferma:

Abbiamo iniziato nelle infrastrutture e ci siamo dovuti conquistare la fiducia. Ce l’abbiamo fatta con qualità e innovazione. Stiamo facendo lo stesso percorso con gli smartphone e i numeri ci danno ragione.

Il problema per gli smartphone però è che ad oggi il mercato mondiale sembra essere in una fase di stallo, perfino Apple ha registrato un calo per la prima volta dopo ben 13 anni. In Italia però la situazione è diversa, secondo Daniele De Grandis:

In Italia il mercato cresce ancora, magari non a doppia cifra. Quello che succede è che si sta chiudendo il gap tra i leader consolidati e gli altri.

Commenti
Vai su