Curiosità

Facecjoc è il primo social network in dialetto

facecjoc 2

Aperta la sfida nei confronti di Facebook dal programmatore friulano Gianluca De Bortoli che ha realizzato un nuovo social network che, per le sue caratteristiche innovative, sta attirando davvero un grande numero di utenti.

Parliamo infatti di Facecjoc, un social network che parla in dialetto, con lo scopo di dare il giusto valore alle lingue dialettali più parlate in Italia. Da questa idea interessante sono stati attirati, come dicevo, già moltissimi utenti (circa due milioni) che quando si sono registrati hanno potuto scegliere uno tra i dialetti napoletano, friulano, toscano, siciliano, romanesco, emiliano, trentino, veneto e lombardo. Ogni mese ne sarà integrato uno nuovo, quindi se il vostro dialetto non è presente tra le scelte non preoccupatevi perché arriverà presto!

facecjoc

Tra le novità c’è la possibilità di sapere chi ha visitato il tuo profilo e quante volte lo ha fatto, le videochiamate di gruppo, la grafica che si adatta al tipo di dispositivo che stiamo utilizzando e l’introduzione del Real Poke, ovvero possiamo inviare un saluto ad un amico scegliendo tra le azioni abbracciare, baciare, offrire un caffè e, se questa persona è uno dei vostri più accaniti nemici, potete anche scegliere di mandarla a quel paese! 😆

Gianluca De Bartolo spiega da dove deriva il nome della piattaforma, cioè dal termine friulano “Cjoc” che significa letteralmente “ubriaco” ma che in questo contesto vuol dire “persona un po’ eccentrica o bizzarra”.

Appena effettuate l’accesso ogni espressione sarà tradotta nella vostra lingua d’origine (ad esempio in romanesco il comune “A cosa stai pensando?” diventerà “Come te senti?”), e in più sarà abilitato anche il tasto “Non mi piace” per far conoscere i gusti personali ai vostri amici.

Facecjoc è pensato anche per gli immigrati nel nostro Paese o per gli emigrati italiani, infatti tra le varie lingue disponibili ci sono anche inglese, spagnolo, russo, ceco, turco e arabo.

L’espansione di questo social network è supportata anche da alcune persone famose, il primo è Enzo Salvi, che si è iscritto a Facecjoc per far conoscere ai suoi fans la nuova piattaforma, e lo sviluppatore spera di coinvolgere a poco a poco sempre più vip.

Beh, è scontato dire che Facecjoc attira la curiosità di tutti, d’altronde i dialetti italiani fanno parte del nostro patrimonio linguistico ed è bene valorizzarli tramite la tecnologia, che ormai fa parte della nostra quotidianità, per far sì che essi non finiscano nel dimenticatoio. La pensate anche voi così?

(Per iscrivervi a Facecjoc non vi resta che cliccare su questo link).

Commenti
Vai su