Guide

Come migliorare la batteria con l’undervolting

come-migliorare-batteria-undervolting

Moltissimi di noi si saranno chiesti come migliorare la batteria del proprio smartphone Android. La quasi totalità dei rimedi però richiede una diminuzione di prestazioni, meno funzionalità attive oppure qualità grafica inferiore.

Leggi anche: Come velocizzare lo smartphone Android

Esiste un modo però con il quale sia potrete migliorare la durata della vostra batteria che non va a ledere sulla performance né sulle funzioni del vostro device.

E’ l’undervolting, la diminuzione del voltaggio della CPU. I valori di voltaggio nei nostri processori infatti non sono creati “ad hoc” per il nostro device, bensì sono dei valori generali che vanno bene sulla maggior parte dei device. Personalizzando i valori però potremo risparmiare un pochino di batteria in più senza avere prestazioni peggiori.

Per poter cambiare i valori di voltaggio servono un kernel compatibile e i permessi di root, oltre ad un’app che ci permetta di cambiare i valori. Ce ne sono diverse sul Google Play Store, tra le quali Kernel toolkit o 3c toolbox

UNDERVOLTING SICURO

Per fare un undervolting sicuro basta diminuire i voltaggi di tutte le frequenze di 25-50 mV. E’ un undervolt basso, ma se si sta entro questa soglia si può star sicuri che il nostro dispositivo non avrà instabilità o crash. La batteria non migliorerà moltissimo, ma è possibile che possiate fare 10-15 minuti in più di schermo

UNDERVOLTING NON SICURO

Se volete ottenere più batteria ancora rispetto all’undervolting sicuro, provate a diminuire le frequenze di 50-75 millivolt. Non è garantita la stabilità, perciò nel caso di problemi sarebbe meglio ripristinare i valori di default. Otterrete maggior durata della batteria (a parità di utilizzo) rispetto all’undervolting sicuro.

UNDERVOLTING ESTREMO (ATTENZIONE !)

Qui si entra nella zona a rischio. Se diminuite di oltre 100 mV i voltaggi della vostra CPU è probabile che alla lunga abbiate numerose instabilità, crash e problemi vari legati al processore. Nel caso siate intenzionati a fare un undervolting estremo sarebbe meglio fare un backup del boot.img, nel caso non si possano più cambiare i voltaggi dall’applicazione. Se doveste oltrepassare i 200 allora potreste arrecare danni al vostro dispositivo, perciò procedete con moltissima cautela. Qui otterrete il maggior risparmio energetico, però potreste avere problemi nell’utilizzo del device.

Vi aspettiamo nel prossimo articolo nel quale si parlerà di come impostare la CPU e la gestione dell’I/O. Non mancate!

Commenti
Vai su