Guide

Come flashare una custom ROM Android

flashare-rom-android

E’ capitato di certo a molti di noi di esserci trovati male con il proprio sistema operativo per la carenza o l’eccesso di funzioni, per le scarse prestazioni e per l’interfaccia “brutta”, ma non disperate, c’è una soluzione a tutti questi problemi!

Leggi anche: Guida completa ai moduli Xposed

Essa si chiama “custom ROM”, e la cosa fantastica è che tutte le custom ROM sono totalmente gratuite.

Le ROM modificate aggiungono delle funzioni finalmente utili e ci offrono la possibilità di personalizzare del tutto il nostro dispositivo, oltre naturalmente a fornirci più controllo su di esso e ad aumentarne le prestazioni complessive.

Nota bene: con l’installazione di una custom ROM la garanzia verrà invalidata e, in caso di errore, il dispositivo potrebbe non avviarsi. Perciò vi consiglio di seguire rigorosamente la guida. Noi di phonetoday.it non ci assumiamo alcuna responsabilità in caso di eventuali danni causati al vostro device.

Per prima cosa bisogna procurarsi il file .zip della ROM adatta al vostro dispositivo (non prendete .zip di ROM che sono fatte per dispositivi diversi dal vostro), poi bisogna andare in recovery per fare un wipe completo, comprendente perciò /system, /cache, la Dalvik Cache e /data (non /data/sdcard perché lì sarà salvato lo .zip della ROM). Alcune recovery comunque, come la Philz Touch, offrono l’opzione “clean to install a new ROM”, perciò non ci sarà bisogno di dover cercare tutte le voci per fare i format.

Le vostre app NON verranno “risparmiate”, perciò per comodità sarebbe meglio tenere un backup di tutti gli apk su una SD esterna o eventualmente una chiavetta per l’OTG. Nel caso in cui il dispositivo non supporti nessuno dei due allora non ci dovrebbe essere alcun problema, se il nostro telefono/tablet era collegato ad un account Google allora le app installate dal Play Store verranno scaricate automaticamente e installate.

A questo punto, dopo aver formattato bisognerà flashare il pacchetto .zip della ROM via recovery dal menu “install .zip from SDcard” e avviare. Il flashing e l’avvio potrebbero durare parecchio se il dispositivo è poco potente, perciò non è un problema se non si avvia istantaneamente. Dato che si tratterà di un nuovo sistema operativo bisognerà reinserire i vari account e modificare le impostazioni come prima, ma di solito questo passaggio non occupa molto tempo.

Ora siete pronti per iniziare la vostra esperienza con il mondo delle custom ROM! Di seguito vi riportiamo alcuni link che riguardano siti di ROM interessanti:

Commenti
Vai su