Curiosità

Batterie all’idrogeno: la rivoluzione negli smartphone

batteria scarica

L’innovazione che gli smartphone hanno portato nel mondo ha coinvolto le persone di tutte le età e coloro che ne possiedono uno conoscono benissimo il “dramma” della batteria.

Infatti stando molto tempo connessi ad internet, sui vari social network e soprattutto su Whatsapp, la batteria cala a vista d’occhio lasciandoci con l’incertezza di arrivare a fine giornata con lo smartphone ancora carico.

Ma forse qualcosa cambierà presto: l’azienda britannica Intelligent Energy ha realizzato una batteria con l’autonomia di ben una settimana su un prototipo di iPhone 6. E’ stata utilizzata una cella a combustione d’idrogeno che garantisce un’energia chimica scaturita dalla reazione tra ossigeno e idrogeno che copre i 7 giorni senza alcun problema. Il vapore acqueo che si genera verrà poi espulso dal device attraverso due griglie di ventilazione.

La ricarica di questa batteria è molto semplice, infatti bisognerà inserire nel jack audio (o in seguito si penserà ad uno slot apposito) una cartuccia di polvere di idrogeno, che però rappresenta un problema per la produzione delle batterie. Infatti l’elevato costo delle ricariche che ammonta a 3 euro comporterebbe una spesa di circa 150 euro all’anno, che non tutti chiaramente spenderebbero.

Tuttavia le compagnie telefoniche maggiori sarebbero senz’altro interessate a questa nuova tecnologia che risolverebbe il problema più grande degli utenti. Staremo quindi a vedere se i costi potranno essere ridotti e se a breve potremo usufruire di questa batteria ultra resistente.

Via

Commenti
Vai su