Operatori Telefonici

3 Italia blocca ufficialmente il roaming Tim in alcune province

Come vi abbiamo accennato qualche giorno fa, 3 Italia aveva iniziato a sperimentare la disabilitazione del roaming fornito da Tim, ma da qualche ora, in alcune province italiane, il servizio è stato bloccato definitivamente.

Senza troppo preavviso, il gestore di telefonia mobile ha creato non pochi problemi ai propri clienti di 5 province italiane. Ha difatti reso impossibile l’utilizzo del servizio roaming concesso da Tim, sia per quanto riguarda la rete dati sia per tutto il segnale GSM.

Ovviamente, come citato nell’articolo precedente, le zone in questione sono luoghi dove la copertura del segnale 3G/4G è ottimale e la percentuale di utilizzo di roaming è inferiore al 2% anche se, a quanto pare, le prime lamentele non hanno tardato ad arrivare. Le 5 province coinvolte sono:

  • Torino
  • Padova
  • Rovigo
  • Bari
  • Cagliari

Qui sotto invece riportiamo il comunicato stampa ufficiale rilasciato direttamente da 3 Italia, dove sono presenti tutte le spiegazioni sopracitate:

H3G ha avviato un piano di spegnimento parziale del servizio di roaming nazionale in alcune delle aree dove il livello di qualità raggiunto dalla propria rete ha portato alla fruizione nulla o residuale di tale servizio da parte dei clienti “3”.

La scelta di spegnere il roaming in queste zone è strettamente correlata al continuo potenziamento dell’infrastruttura di H3G, in particolare della capacità di rete, della copertura outdoor (97% della popolazione) e della copertura indoor con le frequenze a 900MHz (oggi attive in più di 3.200 comuni) che il Ministero dello Sviluppo Economico ha recentemente assegnato anche a H3G.
Attualmente le aree interessate dal piano sono quelle di Torino, Padova, Rovigo, Bari e Cagliari. In queste località H3G offrirà il servizio esclusivamente attraverso la propria rete veloce, evitando così quelle potenziali situazioni limite in cui il dispositivo mobile aggancia alternativamente la rete 2G e 3G/4G, provocando temporanee assenze di connessione.

Questo si tradurrà in un servizio di qualità ancora più elevata, in particolare con benefici sulla user experience dei clienti che usano i servizi dati come, ad esempio, Facebook, WhatsApp, browsing, email e streaming video.

Nelle aree non coinvolte dallo spegnimento, il servizio di roaming nazionale su rete TIM continuerà invece a essere disponibile.

Commenti
Vai su